Comune di Vallemaio
HOME  |  MAPPA
Motore di ricerca
  
Solo testo    |   Alta visibilità      

Canali d'accesso. Menu Canali d'accesso terminato.

Eventi di Dicembre 2018

L M M G V S D
     
10 11 12 13 14 15 16 
17 18 19 20 21 22 23 
24 25 26 27 28 29 30 
31       
« Indietro  |  Avanti »

Sei in: Home » Il Turista e il Territorio » La chiesa dell'Annunziata
Sei in: Home » Il Turista e il Territorio » La chiesa dell'Annunziata

Il Turista e il Territorio

 

La chiesa dell'Annunziata

La chiesa 

La chiesa dell’Annunziata posta nella piazza del paese è la chiesa più importante di Vallemaio.
La chiesa presenta un’ampia navata centrale sormontata dal tetto in legno e la pietra di Coreno accarezza le pareti e il battistero dando vita a un ambiente  semplice ma allo stesso tempo accogliente.

Il trittico

Al suo interno, sull’altare maggiore, si erge il trittico del sec. XVI in cui è rappresentata l’Annunciazione con intorno i Santi più venerati in zona: San Benedetto e San Nicola e i Santi Pietro e Paolo. L’ opera è attribuita a Cesare Calesio. 
Ai piedi dell’altare che ci sono le “Reggiolette” queste uniche rappresentazioni su ceramica del XVI secolo a forma esagonale.

Le Reggiolette

Esse sono decorate su smalto bianco opaco. Ciò che le contraddistingue sono i motivi ornamentali fitomorfi e zoomorfi, araldici e a figure umane. La meraviglia sta nello scorgere lo straordinario utilizzo delle ceramiche decorative dove le mattonelle di forma esagonale allungata, che hanno le dimensioni sempre di cm. 23,5x14,5x3, sono disposte allineate, a nido d'ape. Su di esse sono rappresentate  le foglie accartocciate, ossia ripiegate su se stesse che si rifanno alla tradizione dei pavimenti risalenti a metà del XV sec.  che si diffusero in alcune aree dell'Italia Centrale e, soprattutto, a Napoli. I motivi zoomorfi sono presenti singoli o a coppia, occupando generalmente l'intera superficie dell'esagonetta, con fiori o non, sono i più frequenti ed occupano l'intero campo da decorare o una fascia centrale, che si accompagna ad un motivo periferico a spigato, assimilabile alla corona di alloro. Si può scorgere  la lepre in corsa tra balzi erbosi, inseguita da un cane o da un uccello rapace. Molto ricorrenti anche gli uccelli acquatici, dipinti tra elementi di vegetazione. Frequenti, inoltre, gli uccelli ed il gallo associato a motivi araldici. I motivi geometrici, come la fune o treccia bianca su fondo blu, la treccia stilizzata a rombi ed il motivo a nastro, reminiscenze della tradizione medievale campana, possono essere inseriti nella fascia centrale. A volte stelle ad otto punte o motivi a scacchiera fanno da campitura ad un quadrato centrale.

Esse venivano prodotte nel castello di Sant’Andrea del Garigliano da ceramisti del luogo che avevano imparato quest’arte raffinata ed elegante. E’ qui che si trova l'iscrizione con la citazione del Mastro Nardo Rao e dei ceramisti Vincenzo Arpino e Sebastiano De Vito. 
Se ne sono ormai attestate la presenza nel comune di Galluccio nella collegiata di S. Stefano  ma anche nella chiesa di S. Benedetto a Sant’Andrea e ad Ausonia presso il santuario di S. Maria del Piano.


Fine dei contenuti della pagina

Sito ufficiale del Comune di Vallemaio

Logo attestante il superamento, ai sensi della Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.

Via Martiri Civili, 13 - 03040 Vallemaio (FR)
Tel. 0776-957123 - Fax 0776-957314
C.F.: 01626800609

Realizzazione
ImpresaInsieme S.r.l.Proxime S.r.l.